LECTIO MAGISTRALIS AMARTYA SEN

AMARTYA SEN

Salute e sanità universali: un obiettivo davvero irraggiungibile?

Introduce e coordina: Armando Massarenti

Un sistema sanitario universalistico è spesso ritenuto un obiettivo ideale, un sogno utopistico e sostanzialmente irrealizzabile. Le esperienze di alcuni paesi come Rwanda, Thailandia e​ Bangladesh suggeriscono tuttavia una prospettiva possibile e un orizzonte meno fatalista.
Invece di procedere verso una privatizzazione indiscriminata dei servizi sanitari a livello di base, la presa in carico di questi ultimi, in una fase iniziale, da parte dell’intervento pubblico può favorire processi che conducono a sistemi​ più maturi​ e integrati, riuscendo a sostenere anche la crescita economica.

Bio
Amartya Sen, di nazionalità indiana, è uno dei massimi esperti al mondo di economia del welfare, nonché una delle voci internazionali più autorevoli nella lotta a povertà, disuguaglianza e deprivazione delle donne. Oltre alla teoria economica e della scelta sociale, Sen ha contribuito allo sviluppo della filosofia politica, morale e legale; allo studio delle cause e delle misure preventive delle carestie e disuguaglianze legate alle classi e al sesso; all’economia dello sviluppo; alla teoria assiomatica della scelta e alla teoria decisionale. I suoi libri sono stati tradotti in tutte le principali lingue del mondo. Amartya Sen è Thomas W. Lamont University Professor, Professore di Economia e Filosofia ad Harvard ed e stato fino al 2004 Master del Trinity College, Cambridge University. Precedentemente è stato Professor di Economia alla Jadavpur University di Calcutta, alla Delhi School of Economics, alla Cambridge University, alla London School of Economics ed è stato Drummond Professor di Economia Politica alla Oxford University.
Nel corso della sua carriera ha ricevuto più di 100 lauree ad honorem ed è stato insignito di prestigiosi premi, tra i quali, nel 1998, il Premio Nobel per l’Economia, per il suo lavoro pionieristico in economia del benessere e teoria della scelta sociale.

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria, fino a esaurimento dei posti.
Al raggiungimento della massima capienza dell’Auditorium, sarà possibile seguire la conferenza in streaming in altri spazi di MAST.

Fondazione MAST
via Speranza, 42
Bologna

Per registrarsi CLICCARE QUI