Piattaforma Eventi

Meeting, streaming e virtual tour uniti in un unico ambiente digitale.

Un progetto che prende forma dalla precisa volontà del Presidente Roversi-Monaco nel voler celebrare il Festival della Scienza Medica, giunto oggi alla sua settima edizione e inizialmente programmato per il mese di aprile. Vi era infatti la necessità di mantenere il dinamismo di un dibattito condotto in presenza di pubblico, senza però rinunciare all’ambientazione nei luoghi che, fin dalla prima edizione, hanno valorizzato questa importante manifestazione. Nel contesto attuale, questa richiesta deve coniugarsi con il distanziamento sociale, le difficoltà negli spostamenti nazionali e internazionali. Rocket Social Studio ha raccolto la sfida e su ideazione di Mattia Roncaglione ha realizzato un ambiente digitale, unico nel suo genere, che coniuga le funzioni di videomeeting e videostreaming alla possibilità di recarsi, seppur virtualmente, nella sede del Museo della Storia di Bologna.

Piattaforma Venti Venti: uno spazio, molteplici interazioni

La piattaforma Eventi si presenta con un layout realizzato in modo sartoriale sulle esigenze del Festival della Scienza Medica. Partendo dalle funzionalità di videoconferenze classiche, il layout dedicato ai relatori premia la panoramica delle persone coinvolte nel dibattito, fornendo anche una visione face to face di tutti coloro che sono collegati al meeting online, i quali intervengono con collegamenti audio-video. Il layout pubblico fornisce un’unica schermata di streaming aperta sul dibattito. Scopo di questo layout è quello di portare il dialogo medico-scientifico del Festival oltre le mura di Palazzo Pepoli. Il tutto è arricchito da spazi dedicati ai Partner e Sponsor dell’iniziativa, che potranno accompagnare gli utenti durante tutta la durata degli eventi.

Sala della Cultura: la sua digitalizzazione
La suggestiva Sala della Cultura di Palazzo Pepoli, tra le sedi storiche del Festival della Scienza Medica è stata al cento di un progetto di digitalizzazione che la rende costantemente connessa alla piattaforma Eventi. Una sala dotata di attrezzatura tecnica in pianta stabile, che consente uno streaming costante di tutto ciò che accade al suo interno.

Virtual tour ed Avatar di Taddeo Pepoli
Il progetto viene completato con la realizzazione del virtual tour di Palazzo Pepoli. Tutti gli utenti della piattaforma digitale saranno accolti (una volta registrati) all’ingresso di Palazzo Pepoli, dove un simpatico personaggio, ispirato all’unico ritratto immaginario del profilo, risalente al 1850, di Taddeo Pepoli – storico “padrone di casa” – dopo essersi presentato li accompagnerà lungo il corridoio d’ingresso, la corte centrale, la torre del tempo, fino alla Sala della Cultura. Durante tale percorso, l’utente potrà ammirare parte delle opere presenti nel Museo della Storia di Bologna.

Il coffee break
Infine, ogni evento ha la sua “pausa caffè”: così, anche virtualmente, abbiamo voluto creare un momento ludico interattivo, dove un tasto denominato “coffee break” riporterà l’utente al virtual tour del Museo, consentendogli di visitare liberamente parte di esso. Il percorso è arricchito da Tag interattivi che raccontano alcuni dei capolavori e delle sale di Palazzo Pepoli, fornendo un supporto didattico alla visita. In ultimo, il virtual tour viene per la prima volta impiegato nel fornire spazi “espositivi” dedicati ai Partner e agli Sponsor dell’evento, che potranno utilizzarlo per mostrare al pubblico, oltre al loro logo, una serie di informazioni sapientemente organizzate in infografiche, video e altri contenuti a loro scelta.