17:00

L’acido urico e l’efficacia della mente: primo esempio di riciclaggio biologico dei rifiuti

Modera: Michele Mirabella

Tra le sostanze misteriose che circolano nel nostro corpo, l’acido urico è una di quelle di maggiore interesse per il significato evoluzionistico, fisiologico e clinico.

L’acido urico è il prodotto finale della “digestione” delle proteine e rappresenta un apparente prodotto di scarto il cui riciclaggio può tuttavia avere effetti positivi e negativi.
La capacità di produrre acido urico è tipica dei primati (e quindi dell’uomo) e del cane dalmata, uniche specie che nella storia della evoluzione hanno perso un gene chiave (uricasi) indispensabile per trasformarlo in un composto inerte.

Nell’uomo si ritiene che l’incremento dei livelli di acido urico abbia contribuito allo sviluppo della intelligenza e crescita motoria e proprio queste evidenze hanno generato la ipotesi che i livelli plasmatici e tissutali di acido urico abbiano a che vedere con le capacità cognitive e con l’efficacia della mente dell’uomo.

Quick Info

  • 11 Maggio 2019
  • 17:00
  • Aula Absidale di Santa Lucia