19:00

Neuroni a griglia, spazio e memoria


L’ippocampo è una meravigliosa struttura cerebrale a forma, appunto, di cavalluccio di mare, necessaria alla codifica delle nostre memorie su base quotidiana. Che tipo di informazioni raggiungono l’ippocampo così che esso possa generare queste memorie? Con ciò intendendo il “dove” di un evento accaduto, il “quando” e il “cosa” sia accaduto.

Le strutture cerebrali si preoccupano di fornire tutte queste informazioni, quelle riguardo lo spazio, il tempo nonché l’oggetto dell’accadimento stesso. Vi sono cellule specializzate nel segnalare dove l’animale si trovi (cellule di posizione), in quali direzioni l’animale si muove (cellule di direzione), cellule capaci di segnalare la disposizione dello spazio circostante (cellule a griglia), e cellule che indicano la velocità dell’animale (le speed cell).

Altre cellule ancora segnalano gli oggetti e la relazione tra l’oggetto e l’animale. Infine, potremo mostrare come gruppi di cellule sono in grado di etichettare gli eventi con un “segnale temporale” tale per cui episodi simili possano essere percepiti come separati nel tempo.

Introduce Piergiorgio Strata.

Quick Info

  • 3 maggio 2018
  • 19:00
  • Salone del Podestà

Speakers